Olio extravergine di oliva proprietà caratteristiche: l’olio di oliva è un’olio alimentare vegetale estratto dai frutti dell’olivo caratterizzato dalla forte presenza di grassi monoinsaturi, i quali favoriscono il mantenimento della normale fluidità del sangue e riducono la quota di colesterolo cattivo presente. Esso, soprattutto nei Paesi Mediterranei, rappresenta uno dei condimenti più utilizzati.

La raccolta e la spremitura delle olive: le olive, coltivate in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, vengono raccolte durante un periodo di tempo che va da ottobre a dicembre attraverso l’utilizzo di reti che rendono più agevole e veloce il lavoro. In alcune regioni d’Italia, però, la raccolta avviene ancora manualmente: il lavoro, seppur molto più lungo e costoso, garantisce una cernita precisa dei frutti maturi, originando un olio profumato e di massima qualità.

Olio extravergine di oliva proprieta caratteristiche e valori nutrizionali

olio-extravergine-di-oliva Olio extravergine di oliva proprieta caratteristicheL’olio estratto da tali frutti si differenzia in extravergine, vergine e di sansa: essi hanno proprietà organolettiche e dietetiche differenti. L’olio extravergine di oliva, anche detto con l’abbreviazione olio EVO, come detto dalla normativa europea inerente, deve avere un’acidità massima, indotta dall’acido oleico libero, minore di 0,8% e, spesso, si ottiene attraverso una prima spremitura a freddo, intorno a ventisette gradi centigradi, dei frutti.

L’olio vergine di oliva, invece, è caratterizzato dall’acidità che può arrivare fino al 2%. L’olio di sansa di oliva, invece, è estratto con solventi chimici, chiamati appunto sansa, dai residui di lavorazione: essi vengono raffinati e, successivamente, mescolati con oli vergini prima di essere commercializzati, al fine di renderli commestibili. Considerate le sue proprietà può essere paragonato ad un olio di semi: molti di questi ultimi, infatti, vengono estratti utilizzando lo stesso processo.

Onde evitare spiacevoli inconvenienti legati alla fermentazione naturale, come l’insorgenza di muffe od acidi, la spremitura delle olive deve avvenire entro uno o due giorni successivi alla raccolta. Successivamente l’olio finito viene sottoposto ad un meticoloso controllo organolettico mediante un test verificato dagli organi competenti, che vedono valutati l’aroma, il quale dev’ essere fruttato, ed il gusto tipico conferito dai polifenoli, amarognolo e piccantino.

Composizione dell’olio di oliva: come per quanto riguarda la composizione di tutti gli oli vegetali, anche per quanto riguarda quella di oliva, può variare in funzione delle condizioni ambientali, del metodo di raccolta e della lavorazione. Esso è composto principalmente da trigliceridi, ma la distribuzione degli acidi grassi non cambia dai diversi tipi di olio che è possibile ottenere.

La forte presenza di grassi monoinsaturi rende l’olio di oliva molto consigliato per le fritture domestiche poiché, nonostante presenti un punto di fumo più basso rispetto ad altri oli normalmente utilizzati in queste preparazioni, gli effetti che colpiscono l’organismo sono molto meno nocivi rispetto a quelli prodotti dalla combustione degli acidi grassi saturi.

Uso dell’olio extravergine di oliva nella dieta

L’olio di oliva, ricco di fenoli e tocoferoli, ha un forte potere antiossidante: è in grado, infatti, di contrastare lo stress che ossida i radicali liberi, inoltre, può abbassare il livelli di colesterolo LDL che va a gravare sui globuli rossi.

pianta-di-olivo Olio extravergine di oliva proprieta caratteristicheEsso risulta essere, quindi, alla base della dieta mediterranea, come sostituto di alimenti contenenti grassi saturi di origine animale. Le proprietà nutrizionali dell’olio d’oliva, se paragonato ad altri grassi da condimento, sono migliori: il gusto, in primo luogo, ne permette il consumo a crudo ed, inoltre, un consumo moderato ed opportuno ad una dieta sana e bilanciata apporta le corrette quantità di vitamine e fitosteroli.

E’ importante ricordare, però, che l’olio d’oliva, nonostante l’ottimo profilo lipidico e la sua grande versatilità in cucina in preparazioni che vedono il suo impiego si a crudo che dopo una cottura, rappresenta comunque un grasso: esso apporta ben 899 kcal ogni cento grammi di prodotto.

Come usare al meglio l’olio extravergine di oliva

Malgrado le calorie, in una dieta equilibrata, in caso di assenza di patologie particolari che colpiscono la salute, il contenuto lipidico presente nell’olio extravergine di oliva, come quello del pesce azzurro, dovrebbe sostituirsi il più possibile alla porzione di grassi saturi derivati da carne, uova e derivati del latte.

Il consumo ideale di tale condimento prevede l’utilizzo di dieci grammi al pasto, i quali corrispondono ad un cucchiaio da minestra: in un contorno, ad esempio, il solo condimento può apportare fino al triplo delle calorie della verdura stessa.

Olio di oliva nel mercato mondiale: nel 2014, il New York Times ha portato alla luce una quantità considerevole di olio venduto come produzione italiana, ma che in realtà risulta essere di produzione straniera: imbottigliando in Italia il prodotto finito in arrivo da zone Nord Africane, era possibile applicarne il sigillo Made in Italy.

La coltivazione di olive interessa tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con eccezione di Regioni come Piemonte e Valle d’Aosta: Turchia, Marocco, Tunisia, Egitto, Grecia, Spagna e Portogallo, oltre all’Italia, sono i maggiori produttori mondiali di olio di oliva. Tali coltivazioni si trovano, nonostante siano in quantità nettamente minori, anche sulle coste dell’Indonesia e dell’Australia.

Riassumiamo in breve i pregi dell’olio extravergine di oliva:

  • E’ un ottimo antiossidante
  • E’ ricco di vitamine e fitosteroli
  • E’ ottimo se usato sui capelli
  • E’ un grasso di origine vegetale, quindi non ha i difetti dei grassi di origine animale
  • E’ ricco di grassi monoinsaturi
  • Ha mille usi in cosmetica
  • Il suo ottimo sapore lo rende ideale per condimenti a crudo